Oggi a Bisceglie non ci saremo. E vi spieghiamo il perché

Potrebbe sembrare paradossale, ma oggi, in quella che sarà la trasferta più breve della storia dei biancorossi, nessuno de ilBari.tv potrà essere fisicamente presente per Bisceglie-Bari. E non per nostre colpe.

Come molti di voi sapranno, sin dalla nostra nascita abbiamo seguito il Bari ovunque: dal primo ritiro a Roma, passando per i campi di Serie D, “arrampicandoci” fin su a Bedollo e fino all’ultima trasferta di Catania. Eppure, oggi, al Gustavo Ventura non ci saremo.

Come sempre avviene in prossimità di una trasferta, la società ospitante rende note le modalità di accesso per la stampa e gli addetti ai lavori. Come comunicatoci, il termine per presentare la richiesta di accredito per Bisceglie-Bari era fissato in mercoledì alle ore 15. Senonché, nella giornata di martedì, il Bisceglie Calcio ha reso noto che era stato raggiunto il limite massimo di posti disponibili in tribuna stampa. Eppure, nessuno ci aveva avvisato della ridotta capienza del settore dedicato ai giornalisti, né tantomeno ci era stato chiarito che sarebbe valso il “chi prima arriva, alloggia”. L’unica possibilità rimaneva quella di acquistare un biglietto e richiedere un accredito per la sola “zona mista”. Ritenendo assurdo di dover pagare per svolgere il nostro lavoro, abbiamo dunque deciso di restare a casa.

Vale la pena ricordare che, nei tanti campi di Serie D in cui siamo stati, ci è capitato spesso e volentieri di non avere postazioni adeguate: a volte abbiamo dovuto accontentarci di stare seduti per terra; altre volte non avevamo la corrente elettrica a disposizione; ci è persino capitato di lavorare sotto la pioggia battente o in piedi su un tavolo di plastica. Eppure, nonostante tante società di Serie D avessero risorse limitate e impianti inadeguati, ci è sempre stato riservato il massimo dell’accoglienza e, laddove non esisteva (o era troppo piccola) la tribuna stampa, chi ci ospitava ci ha sempre riservato posti in Tribuna, rinunciando di fatto a parte dell’incasso. Cosa che, evidentemente, la società del Bisceglie ha ritenuto di non fare. In uno stadio, è bene sottolinearlo, che non farà registrare nemmeno il tutto esaurito.

Capiamo che, quello delle infrastrutture carenti, è un problema che coinvolge molte realtà in diverse categorie del calcio italiano. Capiamo anche che non è colpa del Bisceglie se è costretto a giocare in uno stadio inadeguato. Quello che fatichiamo ad accettare è il poco rispetto per il nostro lavoro e la mancanza di cortesia e gentilezza. Quelle non dovrebbero mancare mai, sopratutto in una società come Il Bisceglie Calcio che partecipa al calcio professionistico.

Detto questo, anche oggi vi offriremo il nostro articolo, il servizio e le interviste post partita come ogni domenica, anche se niente potrà toglierci quella sensazione di amaro in bocca derivante dal non poterci essere e dal non poter rivolgere le nostre domande ai protagonisti del match.

Puoi essere il primo a commentare on "Oggi a Bisceglie non ci saremo. E vi spieghiamo il perché"

Lascia un commento

Non sarà pubblicato alcun indirizzo email


*